Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

we plan the world of tomorrow.

EN FR IT ES

Axonometric view

Simulazione degli acquiferi nel porto industriale di Venezia (Italia)

MODELLAZIONE DELL'IMPATTO SULL’IDRODINAMICA DEL SISTEMA DEGLI ACQUIFERI SUPERFICIALI DI UNA BARRIERA IMPERMEABILE NEL PORTO INDUSTRIALE DI VENEZIA.


Progetto: Studio della dinamica degli acquiferi connessa agli interventi nel SIN di Porto Marghera


Luogo: Venezia, Italia


Cliente: Consorzio Venezia Nuova per conto del Magistrato alle Acque – Ministero dei Lavori Pubblici


Costo totale: € 628.500


Servizi: Studi con modelli matematici, Progetto Preliminare, Definitivo ed Esecutivo


Periodo: 2007-2011



Porto Marghera è un polo petrolchimico situato nella zona centrale della laguna di Venezia che presenta elevate concentrazioni di inquinanti inorganici e non biodegradabili.

Tale zona industriale è stata classificata come “Sito di Interesse Nazionale” (SIN). All’interno del progetto di bonifica dei siti contaminati (MISE), il Ministero dell’Ambiente ha incaricato il Magistrato alle Acque di Venezia (MAV) di provvedere a limitare lo scambio idrico tra i suoli contaminati del SIN e le acque lagunari. Il MAV ha pianificato il marginamento di tutti i canali di Porto Marghera per un totale di 56,8 km attraverso l’infissione di palancole in acciaio per di profondità comprese tra 15 e 25 m sotto il livello del mare. Dato che il palancolato costituisce una barriera impermeabile al flusso sotterraneo dall’entroterra verso la laguna, a Technital è stato commissionato uno studio sull’impatto che tale barriera ha sull’idrodinamica del sistema degli acquiferi superficiali.

In particolare è stato realizzato un modello agli elementi finiti tridimensionale di una regione più ampia della zona strettamente portuale e più profonda rispetto agli acquiferi superficiali ai fini di simulare l’impatto che la presenza del palancolato comporta sul regime idrogeologico e quindi di individuare interventi volti a ridurre l’eventuale pericolo d’inondazione delle aree prospicienti di fronte alla laguna.

Il modello è calibrato sulle misure piezometriche regionali e su rilievi locali per simulare il volume d’acqua sotterranea drenato lungo un tratto di canale marginato di 30 km. I risultati evidenziano che il completamento dei marginamenti comporterebbe l’abbattimento dell’85% delle portate in ingresso alla laguna dall’entroterra ed un innalzamento di 1 metro della falda superficiale nell’area di Mestre. È pertanto evidenziata la necessità di inserire dei sistemi di drenaggio a monte dei palancolati in modo da tenere sotto controllo l’altezza piezometrica della falda. Il modello evidenzia che il sistema di acquiferi superficiale è alimentato da un elevato numero di pozzi non sigillati che intercettano acquiferi profondi utilizzati in passato a scopo industriale.

Da un punto di vista generale il presente studio costituisce un importante esempio in cui la progettazione di un sistema complesso di opera con un potenziale impatto significativo sull’ambiente circostante, può essere migliorata e resa efficace attraverso l’uso di un avanzato modello numerico idrogeologico in grado di simulare accuratamente le caratteristiche essenziali della dinamica degli acquiferi sotterranei.


Foto
pag. 1/3
  • Axonometric view Axonometric view
  • Three-dimensional mesh Three-dimensional mesh
  • Piezometric head Piezometric head