Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

we plan the world of tomorrow.

EN FR IT ES

Nuova banchina cargo nel porto di Shenjin

Realizzazione di un Sistema di drenaggio dell’acqua piovana nella nuova area banchine e scarico a mare; un sistema di approvvigionamento idrico per le operazioni di banchina e per le esigenze delle imbarcazioni e un sistema antincendio completo di unità di pressurizzazione, condotte di distribuzione sotterranee e idranti, il tutto nel rispetto delle Norme UE.


Progetto: Sistema di drenaggio dell’acqua piovana, Sistema di approvvigionamento idrico e Sistema antincendio per la nuova banchina cargo a Shengjin (Albania).


Luogo: Shengjin, Albania


Cliente: Unione Europea, Delegazione Albania


Costo totale: € 3,200,000 € 84,600 (Sistema di drenaggio acqua piovana) € 5,300 (sistema di approvvigionamento idrico) € 80,300 (sistema antincendio)


Servizi: Progetto Definitivo


Periodo: 2010



Nel contesto del complesso schema dello sviluppo e aggiornamento della rete di trasporti dell’Albania, implementata in accordo con il “National Transport Master Plan” del 2006 e con la “Albanian National Transport Strategy”, spiccano i lavori di pianificazione per modernizzare e sviluppare le infrastrutture del trasporto marittimo, che contribuiscono ad integrare l’Albania nel Sistema Marittimo Europeo.

Il progetto in questione è una parte integrale dell’implementazione del Master Plan del Porto di Shengjin, sviluppato per aumentare la capacità del porto e la sicurezza nella navigazione, e include la costruzione di una nuova banchina cargo di circa 100 m di lunghezza, posta in prossimità dell’esistente banchina al Porto Marittimo di Shengjin e un piazzale operativo pavimentato, lungo circa 100 m e largo 45, posto dietro la banchina, fornito di tutte le attrezzature necessarie (sottoservizi, drenaggio, dissuasori, parabordo, etc.) tra cui:

  • Un Sistema di drenaggio per raccogliere l’acqua piovana che cade sulla nuova area di banchina e si riversa nel mare;
  • Un Sistema di approvvigionamento idrico utile per le operazioni di banchina e per le esigenze delle imbarcazioni;
  • Un Sistema antincendio secondo le norme Europee in materia di porti e aree deposito.

 

L’acqua piovana viene raccolta attraverso un sistema di drenaggio composto da tubazioni in PEAD, per il convogliamento dell’acqua di superficie che confluisce nei tubi interrati attraverso i pozzetti di raccolta. Le tubazioni convogliano l’acqua ad una vasca di prima pioggia prima di riversarla in mare: alla fine del pozzetto è montata una paratoia per bloccare il flusso di scarico in caso di sversamenti pericolosi sulla banchina o per operazioni di manutenzione del sistema.

La nuova banchina cargo e il piazzale operativo saranno attrezzati con un sistema di distribuzione di acqua potabile per soddisfare le esigenze delle imbarcazioni e delle operazioni di banchina. Il sistema di approvvigionamento idrico è costituito da una conduttura collegata al già esistente tubo di alimentazione dell'acqua (HDPE DN80-De90 mm) vicino all’entrata del Porto posta lungo il molo, tra le due nuove gru di banchina su rotaia. Le connessioni alla nuova tubazione verranno posizionate interrate per ridurre il più possibile le interferenze col passaggio dei veicoli in superficie.

La nuova banchina sarà anche fornita di un sistema antincendio progettato secondo gli standard italiani ed europei. In particolare, è stato progettato un sistema di estintori fissi sulla banchina attraverso degli idranti sotterranei, che rispondono alla normativa UNI 10779, e un’unità di pressurizzazione, progettata secondo la norma EN 12845. Per realizzare un sistema antincendio adeguato, è stata fatta, inizialmente, una valutazione del rischio di incendio dell’area: fintanto che le principali attività svolte sulla banchina non includono sostanze o attività pericolose, l’area è stata classificata come livello di rischio medio (livello 2). Tale livello implica per il sistema antincendio la realizzazione di 4 idranti che possono funzionare simultaneamente, con una portata di 300 l/min e una pressione dell’ugello di 3 bar per l'idrante più lontano. In accordo con le norme UNI, il flusso totale richiesto per il sistema antincendio deve essere almeno di 20 l/secondo, e dal momento che la fornitura di acqua potabile all’area del porto era stimata al massimo 20l/secondo, con una pressione di 5 atm ( ~ 5 bar ), è stata fornita una unità di pompaggio per il sistema antincendio.

Per la progettazione dei condotti del sistema antincendio, in termini di lay-out, la portata di 20 l/secondo è divisa in 5l/secondo per ogni idrante. Attraverso la valutazione delle perdite lungo le tubazioni è possibile definire la prevalenza totale necessaria a soddisfare gli standard UNI (minimo 3bar all’ugello per l’idrante più distante).