Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

we plan the world of tomorrow.

EN FR IT ES

Verona - sede legale


TECHNITAL S.P.A.
VIA CARLO CATTANEO, 20
37121 VERONA, ITALIA

tel. +39.045.8053611
fax. +39.045.8011558
technital.verona@technital.it

PALAZZO COSSALI
XV CENTURY
sinistra: attuale facciata del palazzo
destra: facciata originale

La sede principale di Technital è inserita in un contesto architettonico di epoche e stili diversi. Il Palazzo Cossali ha una pianta a ferro di cavallo e la facciata principale che dà sulla via Carlo Cattaneo. Il quartiere si vanta della sua storia antica e prestigiosa. Nel Medioevo questa zona, a pochi passi dall'Arena di Verona, faceva parte del così detto Distretto Ferrabo, a sua volta parte del Quartiere Maggiore, uno dei cinque Quartieri in cui lo Statuto di Verona divedeva la città nel 1276. Rimane pochissimo delle strutture medioevali che una volta occupavano l'area. I lavori di restauro eseguiti fra il 1970 e il 1972 però, evidenziarono che le strutture preesistenti, che risalivano ai secoli XIV e XV, erano state raggruppate e trasformate in un'unica unità abitativa durante il XVI secolo, il periodo in cui è stato costruito il Palazzo Cossali. Purtroppo oggi sono poco visibili le tracce di questa stratificazione architettonica complessa.
Il palazzo del XVI secolo, l'elemento più prezioso di quest'agglomerato di edifici, si è conservato molto bene, grazie in parte a accurate misure di conservazione. Questo palazzo rinascimentale conserva tuttora, nelle sue splendide sale affrescate e nei suoi soffitti a cassonetti, l'immagine originale di un palazzo signorile. La facciata, originalmente decorata, purtroppo ha perso quasi tutti gli affreschi già irrimediabilmente danneggiati nella prima metà del XIX secolo. Durante il XIX secolo il palazzo subì importanti modifiche: si alzò di un piano, furono modificate le finestre del pianterreno, e si aggiunse davanti un portone monumentale d'ingresso. Nonostante tali modifiche e aggiunte, rimane sostanzialmente intatto, e si può apprezzare a tutt'oggi, l'aspetto di un palazzo del XVI secolo.